Navigation
Slider

\r\n Con riferimento alla Determinazione Commissariale di DigitPA del 28 luglio 2010 [link a http://www.digitpa.gov.it/sites/default/files/normativa/Deliberazione_CNIPA_45_9_novembre_2009_GU_modificata%20dalla%20DT%2069_2010_0.pdf], che fissa al 30 giugno 2011 la data ultima oltre la quale è necessario utilizzare l’algoritmo SHA-256 per il digest (hash) nonché CAdES per il formato della firma, si fa presente che a decorrere dal 1 luglio 2011 gli atti telematici depositati, che non rispetteranno le specifiche di cui alla suddetta determinazione, verranno rifiutati in automatico, in quanto la firma digitale non può considerarsi valida.

\r\n

\r\n Si fa presente che le smart card di firma non sono interessate; sono invece coinvolte le librerie installate sulla macchina dove si appone la firma, che tipicamente vengono aggiornate in automatico.

\r\n

\r\n Si invitano le software house, che forniscono redattori o consolle ai professionisti, a verificare che le proprie applicazioni producano una firma conforme, ovvero che le librerie di firma che utilizzano siano corrette.

\r\n
true