Copyright ©

 
Il contenuto del presente sito www.ilportaledelctu.it, comprensivo dei dati, comunicazioni, contenuti, grafici e disegni oltre che dei modelli sono protetti dalle leggi e dai trattati internazionali sul Copyright, il diritto d’autore relativo ai propri prodotti e servizi scatta automaticamente al momento della messa a punto del progetto Creazione Mercoledì 14 Aprile 2010 13:22ì.
Per progetto si intendono: software, testo, immagini, foto, grafici, film, musica, audio etc.
La titolarità e i copyright © relativi ai suddetti contenuti sono di proprietà di Il Portale del CTU SRL La loro riproduzione parziale o totale, in qualsiasi forma e/o con qualsiasi mezzo, senza l'espressa e preventiva autorizzazione, ne comporta la violazione della legge sul diritto d'autore.

Legislazioni nazionali in materia di copyright ©
Le legislazioni nazionali tendono al bilanciamento del diritto d'autore con gli altri diritti garantiti dalle Costituzioni:
  • libertà economica, che si esplica nel diritto all'iniziativa privata e alla proprietà privata: se la proprietà privata è protetta dal diritto d'autore, l'iniziativa privata è limitata dalla durata del copyright e dalla possibilità del detentore dei diritti di ridurre o annullare, anche dietro equo compenso, l'utilizzo di terzi. Il diritto antitrust trova uno scopo nell'impedire la formazione di monopoli legali non naturali, che ledono la libertà di impresa e sono stati storicamente un pericolo per le democrazie, non dovuti a risorse scarse, quali non sono e non possono essere per loro natura le informazioni, infinitamente replicabili.
  • diritti soggettivi indisponibili della persona: libertà di parola di pensiero e dell'arte, diritto alla salute e all'istruzione, e più in generale alla qualità della vita, felicità-realizzazione del sé; privacy intesa come inviolabilità della proprietà privata e del domicilio, e come segretezza delle comunicazioni personali ed elettroniche.
 
Durata ed ereditarietà del copyright ©
La normativa prevede una durata del copyright limitata nel tempo e variabile significativamente a seconda della categoria merceologica tutelata (medicinali, brani musicali, software, ecc.).
Il periodo di copyright dovrebbe consentire di avere un adeguato margine di guadagno e di recuperare i costi che precedono l'entrata in produzione e la distribuzione del prodotto. La durata, in linea di principio, è proporzionale ai costi da remunerare. Tuttavia non sempre la proporzione viene rispettata. Per esempio un brano musicale ha una durata di copyright di 50 anni, mentre per un medicinale, che ha costi di ricerca e sviluppo assai maggiori, il periodo di copertura è di 30 anni.
Storicamente, la morte dell'autore causava l'estinzione del copyright. In seguito, il diritto d'autore è passato agli eredi del soggetto e quindi la durata prevista dalla legge è prescrittiva (30/70 anni in ogni caso). È stata modificata anche la distribuzione dei margini: all'editore tocca talvolta più dell'autore, talora più del 50% (a fronte di un equo margine che per un intermediario è generalmente intorno al 20%).
 
Dibattito sulle pene per la violazione del copyright ©
Nelle legislazioni internazionali è frequente una tendenza all'equiparazione fra la violazione del copyright e il reato di furto.
Esiste un dibattito non solo sull'entità delle pene che una simile equiparazione comporta, ma anche sulla reale opportunità di accomunare le due tipologie di reato. L'equiparazione al furto comporta infatti un considerevole inasprimento delle pene.
Analogo dibattito investe il rispetto del proporzionalismo fra le pene rispetto alla gravità del reato. Il plagio, infatti, prevede pene inferiori al furto (sebbene l'utilizzo commerciale sia un'aggravante nella violazione di copyright). In sostanza, chi copia e vende opere in forma identica all'originale commette un reato punito molto più severamente del plagio, ovvero di chi apporta lievi modifiche e si appropria di una qualche paternità sull'opera, traendone profitto.